Progetto Cultura dell'accoglienza

Descrizione:

Il progetto LE OPPORTUNITA’ DELLA CULTURA DELL’ACCOGLIENZA, sostenuto dai Comuni di Tarvisio, Malborghetto-Valbruna e Pontebba e rivolto prioritariamente alla popolazione femminile dei territori coinvolti, si è articolato nella sua prima fase (nei mesi di marzo/aprile 2012) con l’ideazione e stampa del materiale di diffusione del progetto: locandine da affiggere nelle bacheche dei comuni interessati e dépliant da distribuire nei maggiori punti di interesse (in allegato).

Oltre alla diffusione di comunicati stampa, sono stati organizzati tre incontri promozionali sul territorio di riferimento allo scopo di raccogliere le adesioni alla serie di seminari dedicati alla promozione di attività di formazione/promozione in ambito turistico, con l’obiettivo di uno sviluppo del turismo locale come occasione di occupazione, crescita di iniziative di auto-imprenditorialità e stabilizzazione del lavoro. Gli appuntamenti si sono tenuti a:

TARVISIO – 27/03/2012

MALBORGHETTO – 28/03/2012

PONTEBBA – 29/03/2012

A seguito di tali iniziative di pubblicità ai laboratori si sono iscritte 162 persone, molte delle quali a più seminari come segue:


Tedesco – 39

Il senso dell’accoglienza – 82

La valorizzazione delle risorse locali – 46

La cucina locale – 75

Sloveno – 32

Web marketing turistico – 78

Inglese – 100

Albergo diffuso e B&B – 55

La Cramars con i risultati ottenuti ha pianificato e gestito gli eventi attraverso: la raccolta e catalogazione schede d’iscrizione, l’organizzazione del calendario, il contatto e contrattualizzazione dei docenti e di un tutor d’aula, la prenotazione delle sale, il recall degli iscritti, la gestione del registro partecipanti e la gestione del riscontro docenti.

I laboratori si sono svolti in orario serale dalle 19.30 alle 22.30 per consentire ai lavoratori di partecipare alle iniziative.

Il target di riferimento era composto da albergatori, ristoratori, commercianti, liberi professionisti, addetti settore turismo e persone che avrebbero voluto intraprendere attività legate al tema dei seminari.

Da un punto di vista organizzativo si sono riscontrate alcune difficoltà legate al numero degli iscritti e partecipanti i seminari. Si sono dovute quindi trovare soluzioni nella gestione del laboratorio di cucina locale in quanto il numero degli iscritti era elevato e non c’era la disponibilità di una cucina abbastanza grande per accoglierli tutti. Si è stabilito di non dividere il gruppo per evitare di sforare dal budget previsto e di affittare un locale ristorante e una cucina mobile per ospitare i 70 utenti e proiettare le varie fasi di preparazione dei piatti su un grande schermo.

Tale soluzione non ha permesso però ai partecipanti di poter collaborare attivamente con il docente nell’attività pratica.

Altro punto critico è stato l’organizzazione dei corsi di lingua straniera. Se, per quanto riguarda la lingua slovena alla fine si è preferito attivare solo un corso di sloveno di base, per il tedesco il gruppo era abbastanza eterogeneo: ciò ha messo in difficoltà il docente nell’organizzazione dei materiali e nel coinvolgere i partecipanti di un livello leggermente maggiore a quello di base. Per ovviare a tali inconvenienti si è deciso di svolgere un test di ingresso per il corso di lingua inglese, le cui iscrizioni sono risultate più numerose. Alla luce di ciò sono stati attivati due corsi di lingua inglese uno di base e uno intermedio, quest’ultimo però con partecipanti di livelli diversi. La Docente ha dunque fornito agli allievi di livello superiore nuove schede di sviluppo sia della grammatica sia del lessico per evitare che si potessero a volte annoiare durante le lezioni.

Il progetto si è concluso nel 2012

Stato del Progetto:Realizzato
Referenti:Sara Danelon - tel: ++ 39 433 41943 - email: saradanelon@coopcramars.it
Realizzato da Bo.Di.